11 piattaforme di crowdfunding in italia e all'estero (e qualche consiglio utile)

Pubblicato da Andrea Pastore nella categoria Creare impresa il 11/02/2016ultimo aggiornamento il 11/02/2016

Ad ogni progetto, la sua piattaforma di crowdfunding... Scoprile suddivise per dimensioni, budget e risorse

11 piattaforme di crowdfunding in italia e all'estero (e qualche consiglio utile)

Se stai pensando di lanciare un’idea ricorrendo al crowdfunding, attenzione alla piattaforma che scegli: non tutte sono uguali e non tutte offrono un buon pubblico con risultati accettabili. Se decidi di finanziare un progetto con il crowdfunding, dovrai innanzitutto:

  • Proporre una buona idea/prodotto/servizio da realizzare per la collettività (e questo è il minimo)
  • Preparare una presentazione interessante del progetto
  • Mostrare l'evoluzione del progetto: non una buona presentazione per ricevere denaro dalle persone, bisogna pubblicare aggiornamenti in modo costante, bisogna mostrarsi al lavoro... insomma i promotori del progetto devono mostrarsi i primi sostenitori.
  • Preparare dei regali per chi dona: una maglietta, un portachiavi... è un incentivo importante. Tra i progetti di maggior successo ci sono quelli che come premio inviavano l'oggetto ( o erogavano il servizio) per cui stavano chiedendo di realizzarlo.
  • Scegliere una buona piattaforma di crowdfunding e pubblicizzarlo ovunque sul web il tuo progetto per farlo decollare. Una volta raggiunta la cifra desiderata (si consiglia di non proporne una troppo alta quando si è agli inizi), potrai realizzare il prototipo del tuo progetto e decidere se portare avanti l’idea.

Già, ma… qual è la migliore piattaforma da adoperare? La risposta è: quella più adatta alle tue esigenze. Il termine “crowdfunding” deriva appunto dai termini inglesi “crowd” (folla) e “funding” (finanziamento), quindi i contributi economici che provengono dal pubblico che decide di finanziarti saranno differenti in relazione al progetto specifico e al seguito che ha la tua idea. I siti con cui puoi fare crowdfunding sono di due tipologie: a carattere generalista o “verticale”, dedicati cioè ad un unico e specifico ambito creativo.

Noi ti consigliamo le migliori, segnalandoti dimensioni, cifre, settore di riferimento, provenienza e plus!

Tra le piattaforme a carattere generalista:

  1. Kickstarter / dimensione: colosso – cifre: 2 mld di dollari raccolti in soli 6 anni – settore: tutti – provenienza: USA – plus: dinamismo

  2. Kapipal / dimensione: apripista, ora acquisita dal fondo GrowVC – cifre: non quantificabili – settore: qualunque si desideri (anche progetti molto personali) – provenienza: Italia – plus: taglio originale, multilingue

  3. Eppela / dimensione: medio-grande – cifre: una media di 6.500 euro per finanziamento dal 2011 al 2014 – settore: arte, cultura, lifestyle, economia – provenienza: Italia, ora è anche in America – plus: molto attiva, gode di ottime partnership

  4. Starteed / dimensione: medio-piccola – cifre: oltre 700.000 euro nel 2014 per progetti direttamente ospitati – settore: soluzioni per il crowdfunding, qualsiasi progetto – provenienza: Italia – plus: consente campagne autonome e lancio di progetti svincolati dalle piattaforme tradizionali

  5. Produzioni dal Basso / dimensione: estesa su scala nazionale – cifre: non quantificabili – settore: tutti – provenienza: Italia – plus: meccanismo reward-based (campagne con ricompensa) o donation-based (senza obblighi nei confronti dei finanziatori)

  6. WeDo / dimensione: grande – cifre: 3 cicli all’anno per massimo 5 progetti ogni 4 mesi, i pochi progetti selezionati per essere lanciati vengono finanziati al 25% del totale da Telecom Italia fino ad un massimo di 10.000 euro per progetto – settore: ambiente, innovazione sociale, cultura digitale – provenienza: Italia – plus: reward e donation-based

  7. Indiegogo / dimensione: colosso – cifre: troppe – settore: tecnologia, innovazione, creatività – provenienza: Canada – plus: basta sul principio “all or nothing”, ma se non raggiungi la cifra prefissata puoi conservare la somma raccolta

Tra le piattaforme a carattere verticale:

  1. Musicraiser / dimensione: big sbarcato anche all’estero – cifre: sono stati raccolti per progetti importanti circa 100.000 euro – settore: musica – provenienza: Italia – plus: se non raggiungi la cifra desiderata, la ritiri per intero; se la raggiungi o la superi, il 10% va a Musicraiser

  2. Cubevent / dimensione: in crescita – cifre: non quantificabili – settore: eventi – provenienza: Italia – plus: consente di pianificare e risparmiare sull’organizzazione di eventi, happening, spettacoli, mostre

  3. Schoolraising / dimensione: estesa – cifre: 10.000 euro raccolti in 6 mesi – settore: scuola – provenienza: Italia – plus: consente di creare relazioni con altre scuole, ottima per fare networking

  4. Commoon / dimensione: media – cifre: è possibile chiedere finanziamenti fino a 30.000 euro, oltre i quali occorre suddividere il progetto in più fasi di raccolta per renderlo monitorabile – settore: making, stampa 3D, design, terzo settore – provenienza: Italia – plus: i progetti servono a risolvere problemi e a finanziare un insieme di entità già capaci di lavorare per produrre la soluzione; il progetto può essere replicato da chi effettua la donazione.

Esistono poi anche piattaforme dedicate ai libri (Bookabook), al no-profit (Let’s Donation), all’equity crowdfunding (SiamoSoci), all’arte (Limoney), agli ecommerce e al giornalismo (Kendoo). Non ti resta che scegliere e… lanciarti! Buona fortuna!

Condividi

Lascia un commento

Scritto il 16/12/2016 da PAOLO MENOZZI

E' possibile avere una consulenza per la propria idea prima di scegliere una piattaforma?

Scritto il 22/12/2016 da bumers

Vi segnalo anche la nuova piattaforma www.bumers.com per raccolte fondi tra amici e conoscenti. Facile e veloce da usare per piccoli desideri e collette personali. Dategli un'occhiata ;)

Scritto il 28/06/2017 da Marco

Ci sono piattaforme che finanziato società con sede in Venezuela?

Scritto il 17/10/2018 da ruedi Mark

Ciao,Essendo in finanza di progetto per favore contattami se sei inil bisogno Ecco la mia email: ruedimark1@gmail.com