Aprire un'impresa nel 2017: le cose da sapere

Pubblicato da Andrea Pastore 09/11/2016

Una guida veloce sulle novità che verranno introdotte dalla Legge di Stabilità 2017

Il 2017 è sempre più vicino e con esso si appresta a debuttare anche la Legge di Stabilità, tanto discussa e, ora, in via di approvazione. Sembra che le novità più importanti riguardino la Partita Iva e molte agevolazioni che favoriranno le piccole e medie imprese e le start up. L'obiettivo è favorire non solo la ripresa dell'economia ma, anche, finalmente, snellire i procedimenti fiscali e burocratici, che, negli anni, hanno raggiunto, legittimamente, il podio dei principali ostacoli tra cui si inerpicano gli italiani quotidianamente. Il ddl sul lavoro autonomo può essere riassunto con alcune parole chiave che introducono i probabili cambiamenti che entreranno in vigore al partire dal 1° gennaio.

Fattura elettronica
Gli imprenditori e i liberi professionisti titolari di partita Iva che sceglieranno di adottare la fattura elettronica il cui utilizzo, precedentemente, era vincolante soltanto nei rapporti tra imprese e pubbliche amministrazioni avranno non poche agevolazioni. Innanzitutto, l'abolizione dello spesometro del prossimo anno, per favorire una nuova procedura da adottare che prevede l’invio giornaliero per via telematica delle fatture emesse e ricevute e dell’ammontare delle operazioni effettuate. E inoltre, esoneri nelle comunicazioni da effettuare al Fisco, esoneri per il registro delle fatture e rimborsi Iva più veloci.

Regime di cassa
Artigiani e commercianti che operano in contabilità semplificata potranno adottare il principio o regime di cassa che consiste nel calcolare il reddito prodotto esclusivamente su quanto sarà incassato, come accade per i professionisti.

Reti di professionisti
I liberi professionisti potranno associarsi in reti o consorzi, anche temporanei, per poter partecipare a bandi di gara per poter avere meno vincoli all'assegnazione degli appalti.

Start up
L’intenzione è portare dal 19% al 30% le detrazioni fiscali per chi investe in start-up innovative. Per le imprese, dunque, sarà più conveniente finanziare queste nuove realtà anziché svolgere le attività di ricerca all’interno. La società sponsor per i primi quattro anni assorbirà le perdite della start-up o della PMI supportata compensandole con gli incentivi.

Imprenditoria giovanile
Grazie al progetto Invitalia, saranno agevolati i giovani sotto i 35 anni e le donne di qualsiasi età che vorranno aprire nuove attività imprenditoriali con finanziamenti a tasso zero.

Infine, saranno inclusi: l'abolizione dell’IRAP 2017 per professionisti, studi professionali, imprenditori senza dipendenti o con un solo dipendente che svolge funzioni esecutive; l’abolizione degli studi di settore per i professionisti, e per tutti i contribuenti che decidano di avvalersi della fatturazione elettronica; la flat tax 2017, con un’aliquota sul reddito di impresa delle società di capitali, di persone, ditte individuali, professionisti e autonomi uguale per tutti i contribuenti; e l’introduzione dell’IRI, l’imposta sul reddito dell’imprenditore.

Lascia un commento